Un tappeto erboso curato dà più soddisfazione

Maag è uno specialista qualificato del tappeto erboso. I nostri specialisti hanno raccolto qui di seguito informazioni e consigli per la cura ottimale del tappeto erboso, affinché anche il vostro prato sia sempre impeccabile e sano!

Tosatura periodica: l'alfa e l'omega

Alla base di un tappeto erboso bello e vitale c'è la tosatura periodica. A seconda del tempo primaverile il prato va falciato per la prima volta già in marzo. Evitate di tagliare l'erba troppo corta durante la prima falciatura.

  • Tosare l'erba settimanalmente
  • Altezza di taglio da 3 a 5 cm
  • Non eccedere nel taglio! Tagliare l'erba al massimo per 1/3−1/2.
  • Non lasciare l'erba tagliata sul prato, bensì raccoglierla
  • Variare la direzione di tosatura
  • Utilizzare lame ben affilate

Concimare: anche il tappeto erboso necessita di nutrimento

Come tutte le piante, anche l'erba ha bisogno di un apporto regolare di sostanze nutritive per poter crescere in modo ottimale e rimanere sana.

  • Utilizzare un fertilizzante specifico per tappeti erbosi con azoto-fosforo-potassio nel rapporto 3-1-2
  • Utilizzare azoto a lenta cessione
  • Utilizzare fertilizzanti primaverili, per risemina e autunnali. Fatevi consigliare sui fertilizzanti adatti nei negozi specializzati

Scarificare e arieggiare: per far respirare il prato

La scarificazione favorisce il passaggio di aria nella cotica erbosa e migliora il bilancio idrico. Con un attrezzo specifico, lo scarificatore, si intacca verticalmente la cotica erbosa asportando nel contempo i residui di tosature precedenti, il feltro e il muschio

  • Migliora l'arieggiamento e il bilancio idrico del terreno (scambio di gas)
  • Asportazione di feltro e muschio
  • Migliore utilizzo delle sostanze nutritive
  • Periodo ottimale: primavera o autunn
  • Importante: non scarificare nei periodi di caldo intenso per evitare l'eccessivo disseccamento del suolo
  • Gli scarificatori (verticutrici) possono essere noleggiati nella maggior parte dei negozi di giardinaggio

L'arieggiamento

L'arieggiamento è un altro intervento che favorisce il passaggio di aria nel terreno. Con l'ausilio di un arieggiatore si praticano dei fori profondi da 5 a 9 cm nel terreno che vengono in seguito riempiti di sabbia. Spesso dopo l'arieggiamento si procede a una risemina puntuale e a una concimazione.

  • Migliora l'arieggiamento e il bilancio idrico del terreno (scambio di gas)
  • Elimina le compattazioni superficiali
  • Periodo ottimale: primavera o autunno
  • Importante: non arieggiare nei periodi di caldo intenso per evitare l'eccessivo disseccamento del suolo

Combattere in modo mirato le malerbe

Contro le erbe infestanti a foglia larga, come trifoglio, veronica, edera terrestre, convolvoli e cardi potete utilizzare Erpax Quattro e puntuale Erpax Spray di Maag.

 

 

  • Combattere selettivamente le malerbe a foglia larga con Erpax Quattro e Erpax Spray di Maag
  • Dopo 10 giorni, scarificare, riseminare e concimare (concimazione sbilanciata verso il fosforo)
  • Un apporto equilibrato di sostanze nutritive e una tosatura periodica tengono lontane le malerbe

Evitare la proliferazione di muschio nelle zone ombreggiate

Il muschio si diffonde facilmente nelle zone ombreggiate e umide del tappeto erboso. Un'annaffiatura con Osotex M risolve i problemi di muschio in maniera duratura, perché aumenta il pH del terreno a un valore ottimale.

 

  • Utilizzare l'antimuschio Osotex M di Maag
  • Scarificare dopo 10 giorni
  • Riseminare con una miscela rigenerativa adeguata (ev. sementi per prato ombroso, ad es. Poa supina)
  • Assicurare un sufficiente apporto di sostanze nutritive (concimazione sbilanciata verso il fosforo della risemina)

Trattare le malattie fungine del tappeto erboso

Tra le malattie primarie del tappeto erboso figura la muffa delle nevi. Questa muffa può manifestarsi non solo in inverno come suggerisce il nome, ma anche in estate (fusarium estivo).
Il tappeto erboso può essere trattato preventivamente in autunno prima dell'arrivo della neve con Switch.

  • Riduce l'infeltrimento del tappeto erboso
  • Utilizzare fertilizzanti autunnali sbilanciati verso il potassio e il magnesio per aumentare la resistenza dell'erba
  • Evitare di lasciare residui di tosature precedenti o foglie sul tappeto erboso e se possibile non compattare la neve
  • Per tutte le altre malattie del tappeto erboso fatevi consigliare da uno specialista

Patch Magic ripara il tappeto erboso in modo rapido e semplice

La chiazze e le zone brulle del tappeto erboso fino a un diametro di 45 cm si eliminano facilmente con Patch Magic di Maag. Patch Magic è una miscela pronta per l'uso 4 in 1 ripara prato: sementi, concime, fissatore e substrato per la germinazione.

Basta spargere e annaffiare abbondantemente.

  • Ripara in un solo colpo le zone danneggiate o usurate
  • Una miscela di 3 varietà di semi
  • Cresce importa dove!*
  • Germinazione già dopo 4 giorni

In caso di chiazze estese si raccomanda una risemina

  • Elimina le chiazze estese
  • Contiene una miscela di graminacee durature e stabili
  • Periodo ottimale: dopo la scarificazione
  • Utilizzare una miscela rigenerativa (a crescita rapida)
  • Rullare la risemina
  • Annaffiare (mantenere umida la superficie per almeno 4 settimane)

*In condizioni di uso ottimale. I risultati possono variare.

Irrigazione corretta

Come per tutte le piante, l'irrigazione varia in funzione delle condizioni meteo. Nei periodi di caldo intenso è a volte necessaria molta acqua per mantenere il tappeto erboso di un intenso colore verde. Se l'erba è già diventata marrone, non ricresce più e pertanto va sostituita. Altrimenti il trifoglio o altre malerbe tendono a invadere le chiazze brune.

  • Le irrigazioni non devono essere troppo frequenti, ma intense
  • Le superfici erbose sopra le autorimesse vanno irrigate più spesso perché l'evaporazione è maggiore